Terre di Serrapetrona

Vernaccia Nera, vitigno antico e prezioso.

La tenuta agricola si estende per 66 ettari di cui circa 20 sono dedicati alla viticoltura. L’80% delle viti rappresentano il vitigno autoctono Vernaccia Nera, perla dell’enologia marchigiana tanto rara quanto antica.

Categoria:

Descrizione

Terre di Serrapetrona, si trova a circa 500 metri di altitudine ai piedi del Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

La Tenuta nasce con la volontà di far rivivere la Vernaccia Nera, vitigno antico e prezioso, coltivato da sempre in questo stretto lembo di terra, perla dell’enologia marchigiana tanto rara quanto antica, quest’uva viene coltivata in queste terre fin dai tempi della centuriazione romana, .

La Famiglia Graidi, ormai arrivata alla quarta generazione, mira alla massima qualità ma rispettando la tradizione.

Il clima pedemontano con forti escursioni termiche fra la notte e il giorno, vicinanza dell’Adriatico ovvero vento termico continuo fra terra e mare o viceversa. Suolo marnoso-calcareo con argilla bianca e fine, ricco di scheletro pietroso. In sintesi l’areale ideale per ottenere uve e vini di qualità dalle caratteristiche uniche.

E’ dalla Vernaccia Nera, che nasce il Robbione DOC e il Collequanto DOC, espressione dei valori della tradizione e dell’armonia di un territorio. Un vino rosso rubino dai riflessi viola, carico di aromi speziati, di pepe di terre lontane, di frutta antica come il sambuco e le marasche. Un vino di corpo con i suoi tannini levigati e la mineralità derivata dai suoi terreni.